La Strada dei Vini del Piave continua a crescere.

0

Anche le Amministrazioni Comunali veneziane di San Donà di Piave e di Noventa di Piave hanno deciso di aderire alla Strada dei Vini del Piave. Comuni che si aggiungono a quelli trevigiani di Cimadolmo, Mansuè, Oderzo, Ormelle, Roncade, Salgareda, Santa Lucia di Piave, San Polo di Piave e Vazzola che vi hanno aderito negli ultimi mesi.

S’infittisce così l’elenco dei soci della Strada, nata da circa una settantina di produttori vitivinicoli e cantine dell’area Doc Piave e riconosciuta ufficialmente dalla Regione Veneto nel maggio del 2006. Soggetti che ora si rivolgono soprattutto alle Amministrazioni Comunali per cercare l’appoggio delle istituzioni locali in un progetto di promozione della terra e della cultura del Piave – partendo dai suoi vini e dalle sue produzioni agroalimentari – capace di creare un’offerta turistica integrata che valorizzi il territorio nella sua interezza: l’identità storica, culturale, artistica, ambientale, sociale ed economica.

“Oltre alle adesioni già espresse – spiega il presidente del Comitato di Gestione della Strada, Pierclaudio De Martin – sono numerose le richieste d’informazioni che i Comuni attraversati dalla Strada ci stanno rivolgendo per entrare a far parte di questo nostro ambizioso progetto. E ci fa indubbiamente piacere essere riusciti a sensibilizzare i Sindaci e gli Assessori locali sui temi del turismo enogastronomico che noi vorremmo sviluppare nel segno di una moderna imprenditorialità motivata, fornendo anche supporto ai soci membri sul piano tecnico ed informativo, oltre che con le iniziative promozionali coordinate: il sostegno delle Amministrazioni Comunali, in questo senso, sarà sicuramente prezioso”.

Tra i numeroi progetti a breve termine cui la Strada dei Vini del Piave sta lavorando, si segnalano una calendario di incontri formativi rivolto ai propri soci con i piàù autorevoli docenti di varie materie che a diverso titolo riguardano chi si rivolge al mondo dell’enoturismo, ma anche un cartellone di concerti e spettacoli nelle cantine che animerà la Strada durante la prossima estate, per pote offrire agli enoturisti locali e non quel “fiume di emozioni” che il suo headline propone. E intanto è anche on line il nuovo sito www.stradavinidelpiave.com. Perché la Strada dei Vini del Piave continua a crescere e non solo numericamente ma anche e soprattutto qualitativamente.

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.