Un patrimonio vivo: Speck e vino dell’Alto Adige a Milano.

0

“Sono stato alpinista, ma ora sono contento di parlare da montanaro. Possiedo tre masi piccoli e conosco la cultura del maso chiuso, perché vendiamo tutto quello che è superfluo. La globalizzazione non è un fatto tragico; possiamo reagire con la cultura, i nostri prodotti. Ai miei due figli ho dato questo messaggio: conservate le radici della vostra terra e abbiate le ali per girare il mondo”. Un Reinhold Messner in grande forma, alla presentazione milanese, il 28 settembre all’Enoteca N’Ombra de Vin della rassegna “Aromi da collezione: Vini e Speck IGP Alto Adige” dall’11 al 13 ottobre che prevede degustazioni in alcune enoteche della metropoli lombarda, tra cui Cotti, Ronchi, Vino Vino e la stessa N’Ombra de Vin e seminari in due grandi alberghi (giovedì 11 ottobre al Four Seasons ore 18.00 -19.00 “Il Pinot Bianco, gli aromatici dell’Alto Adige e lo Speck Alto Adige IGP”, relatore Paolo Massobrio; dalle 19.30 alle 20.30 Marco Gatti “I magnifici quattro: Pinot Nero, Santa Maddalena, Schiava, Lagrein e lo Speck Alto Adige IGP”; il giorno successivo al Westin Palace, dalle 18.00 alle 19.00, relatore  Rossella Romani  parlerà dell’abbinamento Speck e Gewürztraminer altoatesini).

Alla presentazione nell’elegante enoteca di Via San Marco, nel cuore milanese, accanto a Messner erano presenti Helmuth Zanotti, direttore del dipartimento Agricoltura della Camera di Commercio di Bolzano, Franziskus Haas, produttore vinicolo e Franz Mitterrutzner, amministratore delegato del Consorzio Speck IGP Alto Adige. Stimolati da due giornalisti enogastronomici di chiara fama come Marco Gatti e Paolo Massobrio. Zanotti ha tracciato un bilancio del prodotto vino altoatesino. “Abbiamo una realtà vitivinicola molto limitata il 10% delle aziende ha un fatturato attorno o superiore al milione di euro, il 27% si posiziona sui 100mila € ma puntiamo molto sulla qualità. Il 65% viene consumato in Italia, il 35 esportato all’estero, Germania, Usa, nella vicina Austria solo il 3,3% . Puntiamo soprattutto su Lagrein, Pinot Nero e Gewürztraminer” ha detto, ricordando con soddisfazione la promozione romana degli scorsi anni  con l’abbinamento vino speck. Franziskus Haas ha ricordato che la produzione vinicola è un mercato di nicchia con costi che possono sempre lievitare per la posizione pedoclimatica del vigneto. Con orgoglio, si è detto sicuro che i migliori vini altoatesini li berremo tra dieci e quindici anni. Vini che riserveranno grandi sorprese  per la loro freschezza e personalità.

Franz Mitterrutzner si è soffermato sulla sinergia tra speck, vino e pane di questa terra di montagna e di confine. “Il caldo globale influisce sulla produzione del vino. Ma al riguardo non nutriamo timori eccessivi perché possiamo produrre ad altitudini maggiori. Lo fanno in terre lontane, lo possiamo fare anche noi. E lo speck, quello altoatesino è al secondo posto nella classifica dei prosciutti importati in Germania.” Gli esperti non nutrono dubbi. E’ proprio l’aria leggera del versante sud delle Alpi a donare all’autentico Speck Alto Adige un gusto più mite, delicato ed equilibrato dei crudi nordici e, nel contempo, più deciso di quelli dolci del Mediterraneo. Va ricordato che l’evento milanese è organizzato dalla Promozione Vini Alto Adige e dal Consorzio Speck in collaborazione con AIS Lombardia e il Club Papillon e che la presentazione all’enoteca di Via San Marco si è chiusa con un buffet ideato dal giovane e valente chef altoatesino Alois Haller.

Per maggiori informazioni http://www.vinialtoadige.com/

Programma della degustazioni nelle enoteche:

Dalle 17.00 alle 20.30 degustazioni libere e gratuite alla presenza dei produttori:

Venerdì 12 e sabato 13
Enoteca Cotti – Via Solforino, 42
          Andriano Cantina
          Kellerei Kaltern Caldaro

La Bottega dell’Arte del Vino – Via Fara, 25
          Cantina Valle Isarco

Enoclub – Via Friuli, 15
          Abbazia di Novacella
          Arunda
          Cantina Produttori San Paolo

N’Ombra De Vin – Via San Marco, 2
          Cantina Girlan/Cornaiano
          Manincor
          Muri-Gries Tenuta/Cantina Convento
          Nals Margreid
          Cantina Produttori San Michele Appiano

Enoteca La Botticella – Via Battistotti Sassi, 2
          Azienda Vinicola A. Egger-Ramer

Enoteca Radrizzani – V.le Piave, 20
          Franz Haas
          Tiefenbrunner

Ricerca Vini – Via Vincenzo Monti, 33
          J. Brigl Azienda Vitivinicola
          K. Martini & Figlio
          Kellerei Cantina Tramin

Enoteca Ronchi – S. Vincenzo, 12
          Colterenzio
          Alois Lageder
          H. Lun – Cantina Vini
          Cantina Vini Merano
          Castel Schwanburg

Enoteca Vino Vino – P.zza d’Alessandro, 3
          Cantina Produttori Burggräfler
          Prima & Nuova Cantina

Ombre Rosse – Via Strabella, 2
          Kettmeir

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.