Un Franciacorta sempre più vincente si appresta a celebrare da protagonista il Vinitaly.

0

Siamo alla partenza della 41° edizione del Vinitaly e  Franciacorta si presenta con un paniere ricco di riconoscimenti alla qualità e al prestigio dei suoi vini,  alla professionalità e all’impegno dei suoi uomini. Una serie di premi che prescindono dalla individualità delle singole aziende ma che testimoniano una sola visione della vitivinicoltura e del concetto di qualità e di territorio che la Franciacorta sa esprimere, dimostrando quanto il “Sistema Franciacorta” riesca, nella sua unicità, ad essere sempre vincente. Iniziamo questa entusiasmante passerella con il riconoscimento a un esponente delle aziende della Franciacorta che si aggiudica il Premio Internazionale Vinitaly 2007, il riconoscimento che la Fiera di Verona assegna, dal 1996, a una azienda o a un personaggio particolarmente distintosi per le sue qualità imprenditoriali nei settori vitienologico e turistico. Un riconoscimento motivato dal profondo rispetto per la storia e per la natura come risorsa ineguagliabile di sviluppo di una terra.

Sempre al Vinitaly il Gambero Rosso presenta ben 2 Aziende della Franciacorta ne “I 50 vini che hanno cambiato l’Italia” un affresco del vino italiano attraverso la storia delle etichette e delle cantine più prestigiose, che hanno fatto la cultura enologica nazionale e non solo. Questa classifica è il risultato di 20 anni di assaggi e almeno 200mila degustazioni da parte delle commissioni, che hanno collaborato alla realizzazione della guida Vini d’Italia e hanno attribuito per più volte i “Tre bicchieri”. Cinquanta vini, tre dei quali “Metodo classico”, di cui ben due sono Franciacorta. L’area bresciana, quindi, si colloca nel gotha dei vini italiani, che dal 1987 hanno rappresentato in modo puntuale i territori dai quali provengono, vini eccezionali e profondamente radicati, non meteore ma reali punti di riferimento del vino italiano.

Per continuare la carrellata dei riconoscimenti con i quali la Franciacorta affronta questa nuova edizione del Vinitaly, aggiungiamo che l’Ais Lombardia ha assegnato il Tastevin d’OroViniplus 2007 a un Franciacorta Satèn, valutato per il suo rapporto qualità-prezzo e per la sua etica produttiva. Il premio va alle aziende che si impegnano per una qualità a tutto campo il cui risultato non è solo nei calici, ma anche in vigna e in cantina per il rispetto dell’ambiente e del territorio. La Franciacorta, oltre al Tastevin d’oro è presente con ben 7 aziende tra le 25 che hanno ricevuto le Menzioni speciali: quattro di queste hanno ricevuto la Menzione per il loro Satèn, prodotto esclusivamente in Franciacorta e solo dalle aziende che aderiscono al Consorzio.

Storie di vini, di un territorio, dei suoi protagonisti: un altro riconoscimento di rilievo si registra in questa dinamica terra, la rielezione di una donna della Franciacorta a Presidente nazionale dell’Associazione Donne del vino. Oltre 700 tra produttrici, ristoratrici, enotecarie, sommelier, enologhe in un esercito affascinante e grintoso che ha in Pia Donata Berlucchi la degna rappresentante di punta. E non è certo un caso che sia una donna frizzante e di classe, di struttura e grande carattere, ricca di spessore e cultura, storia e grande versatilità come i vini della sua terra: la Franciacorta.

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.