Simposio ” Vitivinicoltura 2007: nuovi scenari, qualità e O.C.M.”, domenica 11 febbraio a Casteggio

0

Domenica 11 febbraio 2007 si svolgerà a Casteggio (Pavia) presso l’Auditorium della Certosa Cantù il Simposio “Vitivinicoltura 2007- Nuovi scenari, qualità e O.C.M.” organizzato dall’Associazione Nazionale “Città del Vino” – Coordinamento Lombardia in occasione del ventennale dell’Associazione, in collaborazione con Comune di Casteggio. Dopo i saluti da parte del Sindaco di Casteggio, Michele Manfra, e delle Autorità (Ore 9.15), interverranno Alberto Vercesi, Vicecoordinatore per la Lombardia dell’Associazione Nazionale Città del Vino, Carlo Bolognesi, componentedel Consiglio Nazionale Associazione Città del Vino, Diego Scarì, Assessore del Comune di Sondrio, città che ospiterà la convention autunnale dell’Associazione, Mario Fregoni, Docente presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, sede di Piacenza – Presidente Onorario O.I.V. (Organisation Internationale de la Vigne et du Vin), Giorgio Bleynat, Dirigente Struttura Organizzazioni Comuni di Mercato e Qualità – Regione Lombardia, e l’On.Gianni Mongello, Sottosegretario al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali.

Modererà il Simposio Michele Rossetti, Assessore all’Agricoltura del Comune di Casteggio. Nell’occasione saranno conferiti i Premi assegnati dall’Associazione Città del Vino ai Testimonial del Vino in Italia e nel mondo. La conclusione del Simposio è prevista alle ore 13.00. Nel pomeriggio (ore 15 – ore 18) sarà possibile degustare i vini delle 41 Città del Vino della Lombardia nel Banco d’Assaggio allestito presso la sede del Caveau d’Oltrepo, nelle storiche cantine della Certosa Cantù (ingresso libero). Il Simposio gode del patrocinio di Regione Lombardia – Assessorato all’Agricoltura, Provincia di Pavia, Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Pavia, As.Co.Vi.Lo. e A.I.S. Lombardia. Gli allestimenti del Banco d’Assaggio sono a cura di As.Co.Vi.Lo. Il servizio al Banco d’Assaggio è a cura di A.I.S. Lombardia.

L’Associazione Nazionale Città del Vino – L’Associazione Nazionale Città del Vino, nata nel 1987 per approfondire le problematiche vitivinicole comuni alle differenti realtà territoriali italiane, è fondata sulla partecipazione attiva di molti dei più significativi Comuni vitivinicoli, rappresentati dai Sindaci o da loro delegati; è presente anche un’associazione europea delle Città del Vino (RECEVIN, Presidente: Floriano Zambon, Sindaco di Conegliano – TV). Oggi in Italia sono associati 560 Comuni a livello nazionale e, fra questi, 41 Comuni delle diverse zone vitivinicole della Lombardia. L’associazione è diretta da un Consiglio nazionale (l’attuale Presidente è Valentino Valentini, Sindaco di Montefalco) ed in ogni Regione Italiana è presente un coordinamento retto da un coordinatore (per la Regione Lombardia, l’Assessore Gianfranco Tosi del Comune di S. Colombano al Lambro – MI). Come traspare anche dal “Manifesto per una vitivinicoltura di qualità” (approvato nell’ottobre 2006), l’Associazione pone la qualità dei vini prodotti ed il loro legame al territorio come punti cardine di riferimento per lo sviluppo del settore. I pareri e le analisi che l’associazione esprime a livello nazionale ed europeo, come dimostrano anche alcuni recenti provvedimenti in materia enologica (trucioli ecc.), sono ascoltati dagli organi decisionali e si auspica possano anche far parte della discussione di livello europeo per la nuova O.C.M. – vino.

Il ventennale di fondazione – L’Associazione Nazionale Città del Vino in occasione del ventennale della sua fondazione organizza una serie di eventi a livello nazionale e regionale. Le iniziative a livello regionale, su indicazione nazionale, si terranno per lo più in contemporanea fra il 10 e l’11 di febbraio 2007 su tutto il territorio nazionale.

Le motivazioni del Simposio del Coordinamento Lombardia – L’O.C.M. (Organizzazione Comune di Mercato) è il dispositivo di valenza europea che pone gli obiettivi vitivinicoli per il prossimo quinquennio e si ritiene che, stante l’attuale “globalizzazione dei mercati”, inciderà direttamente in modo ancor più significativo e strutturale sulle aziende vitivinicole italiane e sul loro futuro produttivo. Si parla, infatti, fra l’altro, di eliminazione di 400.000 ha di vigneti in Europa, di revoca programmata dei diritti di impianto e di modifiche radicali su contributi ed incentivi alle aziende. Ritenendo detti argomenti di eccezionale importanza a livello nazionale e di forte ricaduta pratica sulle vitivinicolture regionali, il coordinamento della Lombardia ritiene utile organizzare un’occasione di incontro a Casteggio (PV) all’interno della zona D.O.C. dell’Oltrepò Pavese (la più grande della Lombardia) anche per fare il punto sull’attuale stato dell’arte della proposta della nuova O.C.M. Come luogo di svolgimento del Simposio è stata individuata la Città di Casteggio, recentemente entrata a far parte dell’Associazione Nazionale Città del Vino, e località emblematica per tradizioni, economia e cultura  del vino in Lombardia.

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.