Coldiretti, con decreto via libera a trucioli in 70% della produzione di vino.

0

Con il decreto si fa un passo indietro nel rapporto di trasparenza tra consumatori e produttori perché significa di fatto il via libera all’utilizzazione dei trucioli nel 70 per cento della produzione italiana. E’quanto afferma il Presidente della Coldiretti Paolo Bedoni in riferimento all’annuncio da parte del Ministro delle Politiche Agricole Paolo De Castro del decreto nel quale si vieta l’utilizzo dei trucioli solo per i vini DOCG e DOC, che rappresentano meno di un terzo della produzione nazionale. Non bisogna mettere a rischio – sostiene il Presidente della Coldiretti – il rapporto costruito nel tempo tra consumatori e produttori di vino Made in Italy, che è fatto per la maggioranza di vini da tavola e Igt esclusi dalla tutela nei confronti di una pratica ingannevole e dannosa.

L’utilizzazione dei trucioli per invecchiare il vino aggravata dalla mancanza di una informazione trasparente – continua il Presidente della Coldiretti – inganna i consumatori e danneggia i produttori che si impegnano nel mantenimento di tecniche tradizionali, quali la maturazione dei vini in botti di legno. L’Italia che rappresenta circa il 25 per cento delle esportazioni mondiali e ha conquistato negli Usa il primato delle vendite, deve scegliere senza indugio – precisa la Coldiretti – la strada della qualità e della trasparenza senza cedere alle tentazioni di una concorrenza fondata sulla bassa qualità che non valorizza le potenzialità del territorio nazionale. Una necessità per non compromettere la crescita tumultuosa fatta registrare dal vino Made in Italy che nel primo semestre del 2006 secondo l’Istat ha realizzato un boom dell’ 8 per cento nel valore delle esportazioni e – precisa la Coldiretti – un successo rilevante negli Stati Uniti (+11 per cento) e nei nuovi Paesi emergenti come India (+53 per cento) e Cina (+115 per cento).
I risultati commerciali del 2006 con una vendemmia che si preannuncia buona e su quantità contenute attorno ai 50 milioni di ettolitri dimostrano – afferma la Coldiretti – la presenza di nuove e rilevanti opportunità di crescita del vino Made in Italy che nello scorso anno ha raggiunto un fatturato record di 9 miliardi di euro, 3 dei quali attraverso l’export che potrebbe peraltro beneficiare dell’immagine positiva conquistata dall’Italia nel mondo con la vittoria del campionato del mondo di calcio. Un patrimonio economico e di immagine per le imprese nazionali che – conclude la Coldiretti – va difeso nei confronti delle imitazioni e della concorrenza sleale fondata sulla mancanza di trasparenza nell’informazione sulle caratteristiche dei prodotti in riferimento alle modalità di invecchiamento e alle tecniche utilizzate, come l’utilizzazione dei trucioli per invecchiare il vino che, senza un’etichettatura trasparente, inganna i  consumatori e danneggia i produttori impegnati nel mantenimento di tecniche tradizionali, quali la maturazione dei vini in botti di legno.

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.