Joint venture tra Cantina di Soave e Cantina Ermes: i vini siciliani nel mondo con i veronesi.

0

L’obiettivo è quello di portare nel mondo vini siciliani di elevata qualità, lo strumento  un accordo tra due importanti realtà cooperative leader nei rispettivi territori di produzione. Si fonda su queste premesse la joint venture siglata in  questi giorni tra la Cantina di Soave (VR) e la Cantina Ermes di Santa Ninfa (TP).

“Sono ormai alcuni anni che notiamo nei mercati internazionali un particolare interesse per i vini mediteranei – spiega Bruno Trentini, direttore generale della Cantina di Soave – Per questo abbiamo ritenuto opportuno inserire anche questi prodotti nella nostra gamma. In questo modo rispondiamo alle richieste dei nostri clienti e valorizziamo la nostra rete distributiva, mentre la Cantina Ermes si avvale della nostra esperienza, della nostra forza commerciale e della nostra distribuzione presente in oltre 40 Stati”. Perché una joint venture? “Perché abbiamo pensato fosse meglio lavorare con un partner locale affidabile, piuttosto che operare in prima persona in un territorio che non conosciamo – risponde Trentini – La Cantina Ermes è una  cooperativa che ha sempre fatto vino sfuso, ma negli ultimi anni ha lavorato  molto per la qualità, diventando così uno dei punti di riferimento del panorama vinicolo siciliano”.

Entusiasta del progetto si dice anche Paolo Di Maria, direttore generale dell”azienda siciliana: “Siamo felicissimi, e oltremodo fiduciosi circa il futuro di questa joint venture. Cantina di Soave è un partner con cui ci troviamo benissimo e che sta investendo molto in questo progetto. E’ la dimostrazione che ci crede fortemente, come ci crediamo noi”.

Primo frutto dell’accordo è stata la creazione di due distinte linee di vini, rigorosamente da vitigni autoctoni: Qibli, destinata al canale Ho.Re.Ca, comprende un Nero d’Avola e un Grillo (vinificati in purezza), mentre Kyos  porterà le stesse tipologie nel canale moderno. Entrambe verranno distribuite  in Italia e nei quaranta paesi esteri in cui sono presenti i vini veronesi della Cantina di Soave.

La Cantina Ermes di Santa Ninfa (C.da Salinella SS 188 Km 45,500 Santa Ninfa) è una società cooperativa fondata nel 1998. Attualmente conta un migliaio di Soci, che gestiscono 4500 ettari di vigneto, il 70 per cento dei quali a IGT. L’80% dei vigneti si trova in collina, il resto in pianura. Ogni anno lavora l’azienda 450 mila quintali d’uva, realizzando 320 mila hl di vino, in maggioranza bianco (70%; il restante 30% è rosso). Il fatturato annuo è di 20 milioni di Euro. La Cantina si estende su 28 mila mq, dispone di 3 stabilimenti di produzione e 9 linee di produzione, che permettono di lavorare 23 mila q di uva al giorno. E’ l’Italia il principale mercato dei vini Cabernet,  Merlot, Syrah, Petit Verdòt, Nero d’Avola, Sangiovese, Frappato, Perricone, Grillo, Grecanico, Inzolia, Chardonnay, Catarratto, Sauvignon Blanc, Pinot Grigio, tutti da uve da agricoltura biologica a Indicazione geografica tipica e a denominazione d’origine controllata. Il Direttore Generale è Paolo Di Maria, il Direttore Tecnico Mirella Lombardo.

La Cantina di Soave invece vanta oltre un secolo di storia: è infatti nata esattamente cent’anni prima di quella di Ermes, nel 1898, e da sempre è una cooperativa di primo grado. In seguito ad alcune fusioni, oggi comprende circa 1500 soci e 4200 ettari di vigneto, posti prevalentemente in collina, che producono il 50% di tutto il Soave Classico, il 34% di tutto quello Doc e Docg  e il 47% del Valpolicella Doc. Gli stabilimenti di produzione sono 5, con 21 linee di pigiatura, che permettono di lavorare ogni anno 900 mila q di uva da cui si ricavano 600 mila hl di vino. Cantina di Soave commercializza 30 milioni di bottiglie, in 40 paesi del mondo, destinando all’esportazione il 60 per cento della sua produzione. Il 70 per cento dei suoi vini è venduto nella distribuzione organizzata, il 30 per cento nel canale Horeca, per un fatturato annuo che si aggira sui 70 milioni di Euro. I vini che produce sono soprattutto quelli della tradizione veronese e veneta: Soave, Recioto di Soave, Valpolicella e Amarone della Valpolicella, cui si aggiungono spumanti metodo classico e charmat.

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.